Ti trovi qui: Home » Conferenze » “From Search to Find”: la mia presentazione a SMAU 2013.

“From Search to Find”: la mia presentazione a SMAU 2013.

25/10/2013

Inserito in: Conferenze,Search Advertising,SEM,SEO

Gli smartphone, i tablet, la connettività always-on che ci consente di poter avere accesso a Google e ad altre search properties (Foursquare, Tripadvisor, Youtube, LinkedIn…) senza più limiti di tempo e di luogo… tutto questo, negli anni, ha fatto evolvere il modo di cercare online anche degli italiani, rompendo i vecchi paradigmi e aprendo nuove possibilità e opportunità.
Questo è quanto ho cercato di raccontare ieri, pur alle prese con problemi di gola, nel mio speech allo SMAU 2013 sul tema “from Search to Find”.
Con l’ausilio dei dati della ricerca FIND/Duepuntozero Doxa “Search in Italy” e portando alcuni casi di progetti che ho avuto modo di seguire nel corso degli anni, ho mostrato come sia ormai necessario oggi modificare l’approccio al search marketing, da molti ancora visto come un semplice “acquistare parole chiave” con l’idea di un utente seduto alla scrivania di fronte a un PC.
Oggi il consumatore cerca nei motori lungo tutto il processo che lo porta dall’identificazione di una esigenza alla soddisfazione di questa (che può concretizzarsi con l’acquisto di un prodotto o servizio o con il reperimento di un’informazione), e lo fa con molteplici strumenti (pc, laptop, tablet, smartphone…) nell’arco della giornata, passando anche da uno all’altro in funzione dell’occasione.
Occorre quindi, per impostare una strategia di search marketing adeguata allo scenario odierno, comprendere quali possano essere i punti di contatto che i consumatori hanno con il mercato in cui operiamo, con la nostra marca, con i nostri prodotti o servizi; comprendere di quali informazioni necessitino, in quale formato (testuale, immagini, video, file scaricabili…) anche in funzione del device utilizzato, e quali le call to action più opportune da utilizzare in queste fasi.
Un lavoro di fino, basato sull’analisi continuativa di volumi elevati di dati e informazioni, che non ha un framework “one fits all” e che deve essere costantemente verificato e attualizzato anche in funzione dei cambiamenti esterni (ad es. la situazione politica in Egitto per chi sogna -e cerca- una vacanza in Mar Rosso), ma che può veramente fare la differenza. Anche perché, nel mare magnum delle informazioni che si possono trovare grazie ai motori, dove di ogni cosa si può trovare tutto e il contrario di tutto, sono proprio i consumatori a chiedere a gran voce di essere aiutati a scegliere e decidere.

Leave a Comment

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Previous post:

Next post: